Home Costruzioni Regione Lombardia: Nuovi interventi per la riqualificazione e consumo del suolo

Regione Lombardia: Nuovi interventi per la riqualificazione e consumo del suolo

by Sogim

Per consumo di suolosi intende la destinazione operata da uno strumento urbanistico di un terreno agricolo a usi diversi dell’agricoltura o da parco.Le legge Regionale 31/2014 è entrata in vigore con l’obiettivo di fissare delle limitazioni al consumo di suolo in Lombardia e per la riqualificazione delle aree già urbanizzate.


Partendo dal presupposto che il suolo è una risorsa non rinnovabile, la finalità è quella di orientare le attività di trasformazioni urbanistico-edilizie non più verso le aree libere ma operando sulle aree già urbanizzate degradate o dismesse in modo da rigenerarle.

Mina al aire libre con maquinaria pesada, excavadoras para movimiento de tierra

Quali sono gli adempimenti attuativi della l.r. n.31 del 2014?

– Individuazione dei criteri per l’identificazione nei PGT delle opere edilizie incongrue presenti nel territorio agricolo e negli ambiti di valore paesaggistico. 


– Identificare gli interventi pubblici e di interesse pubblico o generale di rilevanza sovracomunale per i quali non trovano applicazione le soglie di riduzione del consumo di suolo, approvati con d.g.r n. 1141 del 14 Gennaio 2019. 


– Secondo quanto previsto dall’articolo 5 comma, tutti i comuni sono tenuti a trasmettere alla Regione Lombardia le informazioni relative al consumo di suolo nei PGT (Piani di Governo del Territorio) entro Dicembre 2019, in base  ai contenuti e le modalità indicate nella d.g.t n. 1372 dell’ 11 Marzo 2019.

Incentivi per la riqualificazione dell’esistente

Sono previste agevolazioni e incentivi per il recupero degli edifici esistenti e delle aree già edificate da bonificare in modo da compensare le limitazioni al consumo di suolo. Alcuni di questi incentivi riguardano:
– la Giunta regionale si è impegnata a definire entro 12 mesi misure di semplificazione e incentivazione per il recupero del patrimonio edilizio esistente, in base anche alle informazioni che verranno fornite dai comuni.  

– la possibilità di modulare gli oneri di urbanizzazione al fine di favorire il contenimento energetico degli edifici e la sostenibilità ambientale degli interventi. Potranno essere applicati oneri di urbanizzazione ridotti del 60% rispetto a quelli previsti per nuove costruzioni;


– possibilità di individuare tramite i PGT le opere edilizie incongrue presenti nel territorio agricolo o in ambiti di valore paesaggistico da demolire per ripristinare il verde preesistente. In questi caso vengono attribuiti diritti volumetrici da utilizzare all’interno del tessuto urbano in ambiti individuati dal PGT; 

Stai cercando un immobile? Hai bisogno di vendere o affittare?
Affidati ad esperti del settore.
Clicca qui per scriverci un e-mail : richieste@sogim.net
Oppure visita il nostro sito : http://www.sogim.net/

Related Posts

Leave a Comment